Un ricordo di Giuseppe Francescato (1922-2001)