Gli occhi «stanchi di mirar». Agostino e Gregorio Magno in "Rerum vulgarium fragmenta" CXC