Delle quattro opere vivaldiane pervenute in duplice veste musicale il «Farnace» RV 711 spicca per diverse peculiarità: a differenza del «Tito Manlio» e dell’«Orlando furioso» si presenta in due versioni completamente attribuibili a Vivaldi; e a differenza dell’«Arsilda» queste versioni si riferiscono a due riprese ben distinte nel tempo e nel luogo. Inoltre il «Farnace» è anche l’opera munita del maggior numero di libretti; i quali, assieme a quelli dei suddetti «Tito Manlio» e «Orlando furioso», denunciano la maggior quantità di arie parodiate. Tutto ciò dà così luogo ad un interessante reticolo di rapporti che può assurgere a emblema della prassi operistica d’allora e che l’odierna filologia può tentare di dipanare.

Il «Farnace» di Vivaldi: problemi di ricostruzione

TAMMARO, Ferruccio
1986

Abstract

Delle quattro opere vivaldiane pervenute in duplice veste musicale il «Farnace» RV 711 spicca per diverse peculiarità: a differenza del «Tito Manlio» e dell’«Orlando furioso» si presenta in due versioni completamente attribuibili a Vivaldi; e a differenza dell’«Arsilda» queste versioni si riferiscono a due riprese ben distinte nel tempo e nel luogo. Inoltre il «Farnace» è anche l’opera munita del maggior numero di libretti; i quali, assieme a quelli dei suddetti «Tito Manlio» e «Orlando furioso», denunciano la maggior quantità di arie parodiate. Tutto ciò dà così luogo ad un interessante reticolo di rapporti che può assurgere a emblema della prassi operistica d’allora e che l’odierna filologia può tentare di dipanare.
XV/2
213
256
Farnace; Vivaldi; Opera seria del primo Settecento
F. TAMMARO
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2318/10124
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact