Contaminazioni e polivalenze nell’«Orlando finto pazzo» di Vivaldi