L’«imperativo» nella musica di Sibelius