Il libro prende in esame i passaggi essenziali dell’evoluzione medievale delle invalidità delle sentenze. Muovendo dal quadro delineato dal diritto romano si seguono le vicende dell’invalidità nel corso dell’alto medioevo, dove l’assenza di una iurisdictio formalizzata implica la scarsità di “sentenze” propriamente identificate, per passare poi alla rinascimento giuridico. E’ in tale contesto che si realizzano – in una feconda integrazione fra ius proprium e dottrina – i passaggi principali degli istituti legati alle invalidità delle sentenze; si possono individuare (non solo nella civilistica, ma anche fra i canonisti) i tratti di una nuova impostazione dei problemi fondati sull’individuazione di una serie di invalidità sanabili e su specifici rimedi, su tutti la querela nullitatis. In tal modo l’elaborazione medievale (ed in specie il periodo dei glossatori fino alla sintesi realizzata da Guglielmo Durante) costituisce un momento di rilievo della storia delle invalidità processuali, che porteranno nel tardo diritto comune e nei codici all’odierno assorbimento delle invalidità tra i motivi di gravame.

Decidere invano. Aspetti delle invalidità nelle sentenze medievali

ROSBOCH, Michele
2010

Abstract

Il libro prende in esame i passaggi essenziali dell’evoluzione medievale delle invalidità delle sentenze. Muovendo dal quadro delineato dal diritto romano si seguono le vicende dell’invalidità nel corso dell’alto medioevo, dove l’assenza di una iurisdictio formalizzata implica la scarsità di “sentenze” propriamente identificate, per passare poi alla rinascimento giuridico. E’ in tale contesto che si realizzano – in una feconda integrazione fra ius proprium e dottrina – i passaggi principali degli istituti legati alle invalidità delle sentenze; si possono individuare (non solo nella civilistica, ma anche fra i canonisti) i tratti di una nuova impostazione dei problemi fondati sull’individuazione di una serie di invalidità sanabili e su specifici rimedi, su tutti la querela nullitatis. In tal modo l’elaborazione medievale (ed in specie il periodo dei glossatori fino alla sintesi realizzata da Guglielmo Durante) costituisce un momento di rilievo della storia delle invalidità processuali, che porteranno nel tardo diritto comune e nei codici all’odierno assorbimento delle invalidità tra i motivi di gravame.
Jovene
Memorie del Dipartiemnto di Scienze Giuridiche
Memorie del Dipartimento di Scienze Giuridiche - n. 51
1
284
8824319688
Invalidità; dottrina; sentenza
Michele Rosboch
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Abstract del volume di Michele Rosboch.pdf

accesso aperto

Tipo di file: MATERIALE NON BIBLIOGRAFICO
Dimensione 7.18 kB
Formato Adobe PDF
7.18 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Libro Decidere invano 2010.pdf

accesso aperto

Tipo di file: POSTPRINT (VERSIONE FINALE DELL’AUTORE)
Dimensione 1.75 MB
Formato Adobe PDF
1.75 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/101943
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact