Dietro la storia. Temporalità e sublime in Franz Kafka