“Officina” Pavese: carte, libri, nuovi studi