La questione affrontata riguarda la controversa natura del c.d. preliminare di preliminare , ossia di quel contratto che obbliga a stipularne un successivo , ancora preliminare, a cui farà seguito la conclusione del contratto definitivo. L’indagine muove da una decisione del Supremo Collegio - la prima ad occuparsi della validità dell’accordo in esame - che concludendo nel senso della nullità, riconduce la fattispecie nell’alveo delle intese precontrattuali. L’analisi mette in evidenza come i percorsi argomentativi prescelti in questa occasione dal Supremo confliggano con quelli sottesi ad altri dicta enunciati , talora dalle stesse Sezioni Unite della Cassazione, non soltanto in tema di contrattazione preliminare. Le diverse opinioni affacciate dalla dottrina vengono rilette in chiave critica, e proposto un ulteriore spunto di riflessione - suggerito dalla peculiare fisionomia del preliminare c.d. complesso , o altrimenti detto “ad effetti anticipati” - con l’obiettivo di verificare se altri tasselli possano corroborare quell’ orientamento che , almeno in linea di principio , non nega al c.d. preliminare di preliminare, la statura di un valido contratto.

LA VALIDITA' DEL C.D. PRELIMINARE DI PRELIMINARE: UNA QUESTIONE (NON ANCORA) RISOLTA / Maria Giulia Salvadori. - In: LA NUOVA GIURISPRUDENZA CIVILE COMMENTATA. - ISSN 1593-7305. - 10(2009), pp. 998-1006.

LA VALIDITA' DEL C.D. PRELIMINARE DI PRELIMINARE: UNA QUESTIONE (NON ANCORA) RISOLTA

SALVADORI, Maria Giulia
2009

Abstract

La questione affrontata riguarda la controversa natura del c.d. preliminare di preliminare , ossia di quel contratto che obbliga a stipularne un successivo , ancora preliminare, a cui farà seguito la conclusione del contratto definitivo. L’indagine muove da una decisione del Supremo Collegio - la prima ad occuparsi della validità dell’accordo in esame - che concludendo nel senso della nullità, riconduce la fattispecie nell’alveo delle intese precontrattuali. L’analisi mette in evidenza come i percorsi argomentativi prescelti in questa occasione dal Supremo confliggano con quelli sottesi ad altri dicta enunciati , talora dalle stesse Sezioni Unite della Cassazione, non soltanto in tema di contrattazione preliminare. Le diverse opinioni affacciate dalla dottrina vengono rilette in chiave critica, e proposto un ulteriore spunto di riflessione - suggerito dalla peculiare fisionomia del preliminare c.d. complesso , o altrimenti detto “ad effetti anticipati” - con l’obiettivo di verificare se altri tasselli possano corroborare quell’ orientamento che , almeno in linea di principio , non nega al c.d. preliminare di preliminare, la statura di un valido contratto.
10
998
1006
contrattazione preliminare; contratto
Maria Giulia Salvadori
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
NGCC10-09 - ESTRATTO RIVISTA.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: POSTPRINT (VERSIONE FINALE DELL’AUTORE)
Dimensione 847.07 kB
Formato Adobe PDF
847.07 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/103874
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact