Il sorite come teoria formale