L'utopia del visibile. Note sull'ermeneutica dell'immagine a partire dalla 'Romantik'