L’esercizio come condizione di possibilità del soggetto (e della sua sparizione)