Cultura e assessori: solo ufficiali pagatori?