Vicende di struttura (e di storia): il caso delle capitali mobili africane