Filosofia italiana e strutturalismo: un contatto fuggevole