Bocciare per <<salvare la scuola>>? No, grazie