Capacità di orientamento ed azioni positive: un intreccio dai contorni incerti