Giacomo Durazzo, che «alla dolcezza delle maniere… la perspicacia delle idee soavemente accoppiando» favorì la riforma del teatro musicale settecentesco