Dalla biblioteca di Babele a Internet e ritorno