Il mito non è più uno specchio scuro