Il problema della fine della vita risulta oggi alimentare un acceso dibattito; in effetti, la nostra epoca, che ha sostenuto la ricerca nei più svariati campi, al fine di “ rimuovere” la morte, se la ritrova oggi come richiesta di possibile opzione volontaria in nome della libertà e dignità della persona umana. Di qui nasce la contrapposizione tra il concetto di “sacralità della vita”, intesa come sua indisponibilità, in nome di un precetto ritenuto di “diritto naturale”, e l’idea dell’importanza della vita non solo come mera esistenza, ma anche come qualità della stessa. La questione risulta pertanto focalizzata sul diritto di poter pianificare in anticipo le cure, fino al rifiuto dei trattamenti necessari alla sopravvivenza in rapporto al diritto di morire; al centro del dibattito è dunque la possibilità di ammettere dichiarazioni anticipate di trattamento che si affermano essere cosa diversa dalla eutanasia attiva: nel testamento biologico non si vuole morire, quanto accettare la morte piuttosto di una vita esclusivamente artificiale.

Ai confini delle cure. Terapia, alimentazione, testamento biologico. Profili clinici, giuridici, etici.

MACCHIA, Patrizia
2012-01-01

Abstract

Il problema della fine della vita risulta oggi alimentare un acceso dibattito; in effetti, la nostra epoca, che ha sostenuto la ricerca nei più svariati campi, al fine di “ rimuovere” la morte, se la ritrova oggi come richiesta di possibile opzione volontaria in nome della libertà e dignità della persona umana. Di qui nasce la contrapposizione tra il concetto di “sacralità della vita”, intesa come sua indisponibilità, in nome di un precetto ritenuto di “diritto naturale”, e l’idea dell’importanza della vita non solo come mera esistenza, ma anche come qualità della stessa. La questione risulta pertanto focalizzata sul diritto di poter pianificare in anticipo le cure, fino al rifiuto dei trattamenti necessari alla sopravvivenza in rapporto al diritto di morire; al centro del dibattito è dunque la possibilità di ammettere dichiarazioni anticipate di trattamento che si affermano essere cosa diversa dalla eutanasia attiva: nel testamento biologico non si vuole morire, quanto accettare la morte piuttosto di una vita esclusivamente artificiale.
ESI
1
3
246
9788849525175
Terapia; alimentazione; testamento biologico
Patrizia Macchia
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
19 Ai confini delle cure curat 2012.pdf

Accesso aperto

Tipo di file: POSTPRINT (VERSIONE FINALE DELL’AUTORE)
Dimensione 812.13 kB
Formato Adobe PDF
812.13 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2318/118743
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact