Accollo e responsabilità sussidiaria: a proposito di una sentenza «annunciata»