A margine della Carta archeologica e di un recente commento ammianeo