Marcel Schwob e la maschera della scrittura