Riflessioni critiche sull'atto confermativo