Poteri della messa in scena. “Cabiria” tra attrazione e racconto