Eugenio di Beauharnais, Canova e Andrea Appiani