La «stagione della soggettività» e l'«effetto personaggio» nel romanzo italiano fra '800 e '900