Il «riflesso [...] della [...] fiamma antica»: Felice Cavallotti, l'«ultimo dei romantici» e la poetica della traduzione