Del saper leggere. Una replica a Fulvio Tessitore