La penetrabilità cognitiva della percezione: il caso dell’esperienza pittorica