La Cassazione afferma la responsabilità del Ministero della Salute per i danni da sangue ed emoderivati infetti