Ancora sull’“autocoscienza” del giullare e i giullari nei fabliaux