Il saggio indaga nel dettaglio e con l’ausilio di nuovi documenti due episodi cruciali della fortuna europea della grafica bolognese – e dei Carracci in particolare – a inizio Settecento: l’acquisto da parte di Pierre Crozat della raccolta di disegni creduta di Carlo Cesare Malvasia nel 1715 e la innovativa catalogazione della collezione di stampe del principe Eugenio allestita dai Mariette a Vienna tra il 1717 e il 1719. Tale circolazione di disegni e stampe permise una originale rilettura della tradizione critica italiana e in particolare della Felsina pittrice di Malvasia.

M come Malvasia e Mariette: disegni stampe e giudizi di stile tra Bologna, Parigi e Vienna

GAUNA, Chiara
2011

Abstract

Il saggio indaga nel dettaglio e con l’ausilio di nuovi documenti due episodi cruciali della fortuna europea della grafica bolognese – e dei Carracci in particolare – a inizio Settecento: l’acquisto da parte di Pierre Crozat della raccolta di disegni creduta di Carlo Cesare Malvasia nel 1715 e la innovativa catalogazione della collezione di stampe del principe Eugenio allestita dai Mariette a Vienna tra il 1717 e il 1719. Tale circolazione di disegni e stampe permise una originale rilettura della tradizione critica italiana e in particolare della Felsina pittrice di Malvasia.
s. 5, 3/1
159
203
Chiara Gauna
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Gauna MalvasiaMariette.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: POSTPRINT (VERSIONE FINALE DELL’AUTORE)
Dimensione 5.48 MB
Formato Adobe PDF
5.48 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/133292
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact