Gaston Baty: il teatro del silenzio e il teatro della parola