“Dandi portava una vestaglia rossa a pallini. Una volta, per puro caso, aveva letto qualche pagina di un libro su lord Brummel. Da allora ci teneva molto all’eleganza. Per questo lo chiamavano Dandi”. E poi il Freddo, dallo “sguardo che penetra, di acciaio deciso”; Bufalo, “un ragazzo particolarmente agitato”; Satana, “uno sbroccato, con quattro peli rossi in testa e una tuta nera da Diabolik”. E ancora, Trentadenari, il Sorcio, il Conte Ugolino. Sono solo alcuni dei nomi parlanti dei protagonisti che compongono il coro dei malavitosi di Romanzo criminale, opera di successo del magistrato e scrittore Giancarlo De Cataldo ispirata alla vicenda della banda della Magliana. Di questo recente ma già affermato esponente della narrativa di argomento poliziesco, da cui pure un film e una fortunata serie televisiva, si propone una lettura finalizzata all’individuazione e all’analisi degli aspetti principali relativi alle tecniche e alle tipologie di denominazione dei personaggi.

Il nome nella malavita: riflessioni onomastiche su «Romanzo criminale» di Giancarlo De Cataldo / L. Bellone. - In: CONTRIBUTI DI FILOLOGIA DELL'ITALIA MEDIANA. - ISSN 1126-778X. - STAMPA. - 23(2009), pp. 271-296.

Il nome nella malavita: riflessioni onomastiche su «Romanzo criminale» di Giancarlo De Cataldo

BELLONE, Luca
2009

Abstract

“Dandi portava una vestaglia rossa a pallini. Una volta, per puro caso, aveva letto qualche pagina di un libro su lord Brummel. Da allora ci teneva molto all’eleganza. Per questo lo chiamavano Dandi”. E poi il Freddo, dallo “sguardo che penetra, di acciaio deciso”; Bufalo, “un ragazzo particolarmente agitato”; Satana, “uno sbroccato, con quattro peli rossi in testa e una tuta nera da Diabolik”. E ancora, Trentadenari, il Sorcio, il Conte Ugolino. Sono solo alcuni dei nomi parlanti dei protagonisti che compongono il coro dei malavitosi di Romanzo criminale, opera di successo del magistrato e scrittore Giancarlo De Cataldo ispirata alla vicenda della banda della Magliana. Di questo recente ma già affermato esponente della narrativa di argomento poliziesco, da cui pure un film e una fortunata serie televisiva, si propone una lettura finalizzata all’individuazione e all’analisi degli aspetti principali relativi alle tecniche e alle tipologie di denominazione dei personaggi.
23
271
296
L. Bellone
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Il nome nella malavita. Riflessioni onomastiche su «Romanzo criminale» di Giancarlo De Cataldo.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: POSTPRINT (VERSIONE FINALE DELL’AUTORE)
Dimensione 3.3 MB
Formato Adobe PDF
3.3 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/135701
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact