L’argomento del contributo rappresenta un’indagine volta allo studio dell’evoluzione linguistica delle denominazioni dell’itterizia a partire dall’antichità classica latina fino ai giorni nostri, con una particolare attenzione rivolta ai differenti domini della tradizione letteraria e delle varietà dialettali del territorio italiano, dalle origini ad oggi. La prospettiva di ricerca intende da un lato verificare quali voci, appartenenti ai settori del lessico tecnico-scientifico del periodo dell’antichità latina, si siano conservate all’interno delle parlate della penisola, dall’altro esaminare in maniera sistematica la terminologia di nuova coniazione, legata soprattutto all’ambito dei volgari antichi e dei dialetti, attraverso lo spoglio di tutte le attestazioni delle voci legate alla patologia in questione, ricavate dalle banche dati del Tesoro della Lingua Italiana delle Origini (TLIO), della Letteratura Italiana Zanichelli (LIZ), dagli Atlanti Linguistici (Atlante Linguistico Italiano (ALI), Sprach- und Sachatlas Italiens und der Südschweiz (AIS), Atlante Linguistico Etnografico Italiano della Corsica (ALEIC)), dai lessici e dai dizionari italiani e dialettali, antichi e moderni, e dall’analisi attenta del materiale schedato dalla redazione scientifica del Lessico Etimologico Italiano (LEI).

«Mamma mia 'ome tu sse' giallo! 'un tu avra' mmia le terizie?»: osservazioni lessicali sulle denominazioni dell'itterizia nella lingua e nei dialetti d'Italia

BELLONE, Luca
2010

Abstract

L’argomento del contributo rappresenta un’indagine volta allo studio dell’evoluzione linguistica delle denominazioni dell’itterizia a partire dall’antichità classica latina fino ai giorni nostri, con una particolare attenzione rivolta ai differenti domini della tradizione letteraria e delle varietà dialettali del territorio italiano, dalle origini ad oggi. La prospettiva di ricerca intende da un lato verificare quali voci, appartenenti ai settori del lessico tecnico-scientifico del periodo dell’antichità latina, si siano conservate all’interno delle parlate della penisola, dall’altro esaminare in maniera sistematica la terminologia di nuova coniazione, legata soprattutto all’ambito dei volgari antichi e dei dialetti, attraverso lo spoglio di tutte le attestazioni delle voci legate alla patologia in questione, ricavate dalle banche dati del Tesoro della Lingua Italiana delle Origini (TLIO), della Letteratura Italiana Zanichelli (LIZ), dagli Atlanti Linguistici (Atlante Linguistico Italiano (ALI), Sprach- und Sachatlas Italiens und der Südschweiz (AIS), Atlante Linguistico Etnografico Italiano della Corsica (ALEIC)), dai lessici e dai dizionari italiani e dialettali, antichi e moderni, e dall’analisi attenta del materiale schedato dalla redazione scientifica del Lessico Etimologico Italiano (LEI).
Actes du XXVe Congrès International de Linguistique et de Philologie Romane (Innsbruck, 3-8 septembre 2007)
WALTER DE GRUYTER GmbH & Co. KG
VI
31
41
9783110232035
L. Bellone
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
«Mamma mia 'ome tu sse' giallo! 'un tu avra' mmia le terizie». Osservazioni lessicali sulle denominazioni dell'itterizia nella lingua e nei dialetti d'Italia.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: POSTPRINT (VERSIONE FINALE DELL’AUTORE)
Dimensione 309.56 kB
Formato Adobe PDF
309.56 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/135934
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact