Come altri comparti produttivi anche il tessile-abbigliamento si confronta con il paradigma della GE, presentando eccellenze, criticità e potenzialità. L'attività che riguarda tutta la filiera dalla produzione e lavorazione di fibre naturali fino all'abbigliamento e moda è antichissima ed ha visto straordinari cambiamenti nel corso del tempo, attraverso una continua innovazione tecnologica e la ricerca di nuove fibre, lavorazioni e prodotti in stretta relazione con gli orientamenti e i cambiamenti nella moda. Il comparto tessile-abbigliamento è dunque profondamente investito dalla sfida della green economy, sia per aumentare la compatibilità e la sostenibilità delle produzioni industriali, nelle diverse articolazioni di cui si compone, sia per rispondere alle esigenze di qualità e tutela della salute da parte dei consumatori. Per quanto la crisi economica possa spingere in direzione opposta tali processi, occorre ricordare che il tessile-abbigliamento italiano, piemontese e biellese in particolare si è progressivamente dovuto spostare verso produzioni di fascia medio-alta se non altissima, per trovare nuovi spazi e nicchie di mercato e resistere ad una concorrenza basata sul costo (soprattutto della manodopera) con produzioni standardizzate di bassa qualità. Dopo aver tratteggiato un quadro del settore del tessile-abbigliamento (o tessile-moda) in Italia e in Piemonte, ne analizzeremo le problematicità e opportunità dal punto di vista dei rapporti con l'ambiente, evidenziandone gli orientamenti green. Ci si soffermerà in particolare sul distretto tessile biellese e su alcune aziende che, senza alcuna pretesa di rappresentatività e tantomeno di esaustività, indicano direzioni, possibilità e criticità verso un crescente orientamento green del tessile-moda.

Green economy e tessile: chi passa per la cruna dell'ago?

DANSERO, Egidio;
2013

Abstract

Come altri comparti produttivi anche il tessile-abbigliamento si confronta con il paradigma della GE, presentando eccellenze, criticità e potenzialità. L'attività che riguarda tutta la filiera dalla produzione e lavorazione di fibre naturali fino all'abbigliamento e moda è antichissima ed ha visto straordinari cambiamenti nel corso del tempo, attraverso una continua innovazione tecnologica e la ricerca di nuove fibre, lavorazioni e prodotti in stretta relazione con gli orientamenti e i cambiamenti nella moda. Il comparto tessile-abbigliamento è dunque profondamente investito dalla sfida della green economy, sia per aumentare la compatibilità e la sostenibilità delle produzioni industriali, nelle diverse articolazioni di cui si compone, sia per rispondere alle esigenze di qualità e tutela della salute da parte dei consumatori. Per quanto la crisi economica possa spingere in direzione opposta tali processi, occorre ricordare che il tessile-abbigliamento italiano, piemontese e biellese in particolare si è progressivamente dovuto spostare verso produzioni di fascia medio-alta se non altissima, per trovare nuovi spazi e nicchie di mercato e resistere ad una concorrenza basata sul costo (soprattutto della manodopera) con produzioni standardizzate di bassa qualità. Dopo aver tratteggiato un quadro del settore del tessile-abbigliamento (o tessile-moda) in Italia e in Piemonte, ne analizzeremo le problematicità e opportunità dal punto di vista dei rapporti con l'ambiente, evidenziandone gli orientamenti green. Ci si soffermerà in particolare sul distretto tessile biellese e su alcune aziende che, senza alcuna pretesa di rappresentatività e tantomeno di esaustività, indicano direzioni, possibilità e criticità verso un crescente orientamento green del tessile-moda.
La green economy in PIemonte. Rapporto Ires 2013
IRES PIEMONTE
125
145
9788896713310
http://213.254.4.222/cataloghi/pdfires/847.pdf
http://www.ires.piemonte.it/green/08_Tessile.pdf
E. Dansero; G. Caldera
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/136111
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact