La sentenza della Corte di Giustizia UE propone un’interpretazione della Direttiva cd. accoglienza, 2003/9/CE, definendo obblighi e responsabilità degli Stati membri in rapporto alla garanzia di prestazione delle condizioni minime di assistenza ai soggetti richiedenti asilo. Nel commento si analizza la decisione del giudice europeo, evidenziandone caratteri e contenuti in rapporto al sistema comune di protezione del diritto di asilo nell’ambito dell’Unione Europea.

Diritto di asilo e condizioni minime di accoglienza: la Corte UE chiarisce obblighi e responsabilità degli Stati membri

MIRATE, SILVIA
2013

Abstract

La sentenza della Corte di Giustizia UE propone un’interpretazione della Direttiva cd. accoglienza, 2003/9/CE, definendo obblighi e responsabilità degli Stati membri in rapporto alla garanzia di prestazione delle condizioni minime di assistenza ai soggetti richiedenti asilo. Nel commento si analizza la decisione del giudice europeo, evidenziandone caratteri e contenuti in rapporto al sistema comune di protezione del diritto di asilo nell’ambito dell’Unione Europea.
-
3
808
820
Diritto UE; diritto di asilo
Silvia Mirate
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/136331
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact