Postfazione alla traduzione di N. Ključareva, “Un treno chiamato Russia”