Usare i pronomi in un’altra lingua: lui contrastivo?