Boncompagno da Signa, i maestri di retorica e le città comunali nella prima metà del Duecento