Il cinema tra comicità e dialetto