Su due diversi Derrida - dal 'non c’è fuori testo' all’animalità