La banalizzazione dell’opera letteraria come artificio discorsivo