"I limiti del possibile": Arturo Graf e i confini incerti del sapere