Diritto alimentare e semplificazione amministrativa: un binomio compatibile con la tutela della salute?