Quanto è adeguata la “copertura” italiana nei confronti del rischio di long term care?