Due versi sinora sconosciuti del trovatore 'fantasma' Giuffredi (o Giuffrè) di Tolosa e un commento di Francesco Redi (poi cassato dall'autore) a Par. VIII, 147