Il talento e la vulnerabilità. Philip Seymour Hoffman